martedì 17 giugno 2008

Gran Milonga De Despedida al Castelletto!

13 commenti:

A.B. ha detto...

amigos

non so ancora se ci sarò, forse parto mercoledi sera....

cmq auguro a tutti una splendida serata di despedida!!!...il programma è ghiotto,e diciamocelo, al Castelletto si balla alla grande!!!:-))

...naturalmente non finisce qui, ci sarà l'estivo al Circolo Ospedalieri tutti i martedi( se smette di piovere), poi la seratona a Bore del 21 con la tortellata di s.Giovanni, in luglio dal 7 al 12 la 6 Giorni delle Rose del grande Claudio Santi, un amico e associato di Vogliaditango!!!:-))...

insomma il tango continua...

..sto cercando una milonga a Cagliari, dovrebbe esserci di sabato sera, magari con Anna ci facciamo un salto...come resistere???...io dopo 3-4 giorni senza ballare divento nervoso:-)))

...è stata davvero una grande annata...GRAZIE a todos!!!

ros ha detto...

so che a cagliare c'è una splendida milonga la domenica! chiedi a claudia e carlo, si sono già informati, loro partono il 21!

fai un salto a salutarci dai prima di partire!!!!!! doppia despedida!

r

A.B. ha detto...

..alla domenica??..adesso li sento!!!...è vero che vanno su anche loro...anche il mio amico commercialista, e compagno di merende:-) è in sardegna lo stesso periodo...tu dirai..ma chi se ne frega??!!..e ciai ragione...dico solo che si è già pentito di aver dato retta alla morosa per ste vacanze, e che quello che lo conforta è il ristorante dell'hotel 4 stelle di baia sardinia...cmq non divaghiamo....

per domani sera, se riesco passo.....già mi manca il castelletto, mi sento sperduto!!!

Anonimo ha detto...

Credo che sia stato un anno di Tango Impressionante, grandi milonghe, amici stupendi, bellissime ballerine e ottimi vini!!! Caro Andrea spero in un tua serena e divertente vacanza. Cercheremo di divertirci anche senza di te in questi 10 giorni anche se sarà dura.AF
PS: al mare esercitati a parlare al microfono in pubblico!!

A.B. ha detto...

caro amico mio

mi sono commosso!!!!...ho deciso , non parto più!!!!:-)))

cmq devo dire che l'esperienza più catartica che abbia mai esperito è stata la movida parmense con tappe enologiche con A.F....sono sopravissuto, però non sono più lo stesso:-)))...

la prossima volta mi fermo al qui si beve e ti aspetto li, magari faccio quattro chiacchere con quel signore simpatico con cui ho fraternizzato...

cmq lascio l'associazione in buone mani, questo mi conforta..

ah, A.F.,se Armando mi porta il prosciutto domani sera, per favore prendilo in consegna tu, se vuoi sentirlo, fa pure, mi fa piacere...

lascio nelle tue mani tutti i nostri progetti di punta, parto tranquillo...

e anche tu, Ross, tu quoque Ross, so che sarai all'altezza della situazione sia a Bore che a Cavriago...ti ho vista crescere, che soddisfazioni mi dai!!!:-))


va bene, è ora di andare, amici miei non della ventura, come diceva Sandro Ciotti, ...il dado è tratto...

ros ha detto...

torna! tornaaaaaaaa! sta casa aspetta a teeeeeeeeeee!!!!!! cheste lacrime amare tu me fai chiagnere! nun mettere 'sto mmmmmare 'mmieza a nuieeeeeeeeeeee!!!!! nun emmigrà fratello caro, frate mioooooooo!

Anonimo ha detto...

Mi dispiace ragazzi. Non basterebbero tutti i punti del mondo per ricucirmi. E' finita. Mi metteranno nel negozio di pompe funebri fi Fernandez sulla 109esima strada. Ho sempre pensato che prima o poi sarei finito lì, però molto più tardi di quanto pensasse un sacco di gente

ros ha detto...

carlito's way! grande!
vogliamo parlare del pezzo di chiusura di billy preston?

A.B. ha detto...

..miii..Al Pacino, il mio preferito!!!....i monologhi di Al Pacino sono i più grandi..ce nè uno quando fa l'allenatore di football che è da brivido

"...figghiuu, figghiuu benedittuuu!!!!......

...vieni da mamma tua che ciò un clisterone caddu caddu pe tia!!!"

..la mamma sarda della belva umana

ros ha detto...

'ogni maledetta domenica' dici?

Non so cosa dirvi davvero. 3 minuti alla nostra più difficile sfida professionale. Tutto si decide oggi. Ora noi o risorgiamo come squadra o cederemo un centimetro alla volta, uno schema dopo l'altro, fino alla disfatta. Siamo all'inferno adesso signori miei. Credetemi.
E possiamo rimanerci, farci prendere a schiaffi, oppure aprirci la strada lottando verso la luce. Possiamo scalare le pareti dell'inferno un centimetro alla volta. Io però non posso farlo per voi. Sono troppo vecchio. Mi guardo intorno, vedo i vostri giovani volti e penso "certo che ho commesso tutti gli errori che un uomo di mezza età possa fare" Si perché io ho sperperato tutti i miei soldi, che ci crediate o no. Ho cacciato via tutti quelli che mi volevano bene e da qualche anno mi da anche fastidio la faccia che vedo nello specchio. Sapete con il tempo, con l'età, tante cose ci vengono tolte, ma questo fa parte della vita. Però tu lo impari solo quando quelle le cominci a perdere e scopri che la vita è un gioco di centimetri, e così è il football. Perché in entrambi questi giochi, la vita e il football, il margine di errore è ridottissimo. Mezzo passo fatto in anticipo o in ritardo e voi non ce la fate, mezzo secondo troppo veloce o troppo lento e mancate la presa. Ma i centimetri che ci servono, sono dappertutto, sono intorno a noi, ce ne sono in ogni break della partita, ad ogni minuto, ad ogni secondo. In questa squadra si combatte per un centimetro, in questa squadra ci massacriamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi per un centimetro, ci difendiamo con le unghie e con i denti per un centimetro, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei centimetri il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta, la differenza fra vivere e morire. E voglio dirvi una cosa: in ogni scontro è colui il quale è disposto a morire che guadagnerà un centimetro, e io so che se potrò avere una esistenza appagante sarà perché sono disposto ancora a battermi e a morire per quel centimetro. La nostra vita è tutta lì, in questo consiste. In quei 10 centimetri davanti alla faccia, ma io non posso obbligarvi a lottare. Dovete guardare il compagno che vi sta accanto, guardarlo negli occhi, io scommetto che vedrete un uomo determinato a guadagnare terreno insieme con voi, che vi troverete un uomo che si sacrificherà volentieri per questa squadra, consapevole del fatto che quando sarà il momento voi farete lo stesso per lui. Questo è essere una squadra signori miei. Perciò o noi risorgiamo adesso come collettivo, o saremo annientati individualmente. E' il football ragazzi, è tutto qui. Allora, che cosa volete fare?


apriamo anche un blog di cinema?
per colpa del tango ormai vado pochissimo :-( bei tempi quando vedevo almeno 4 film a settimana!

A.B. ha detto...

..Ross, sei GRANDE!!!

...adesso me lo stampo, sai che un mio amico lo ha imparato a memoria??...l'ultima volta me lo ha recitato al cell, ma stavo chiamando io e lo stramaledivo nel mentre!!:-))

ros ha detto...

andre, imparalo a memoria anche tu! così la prossima volta che prendi il microfono da ubriaco sai cosa dire :-D

A.B. ha detto...

..acc...può anche essere una
idea!!!:-))